Mörel-Filet

A dicembre i membri della Chestenezunft, associazione dedicata alle castagne, hanno distribuito alla popolazione 55 chilogrammi di questo frutto, come supporto durante la pandemia.


Popolazione: 674
Sito web: www.moerel-filet.ch



Chi l’avrebbe mai detto? Qui nell’Alto Vallese i castagni crescono rigogliosi e non solo da quando il Cheschtenezunft è stato fondato nel 2006. È infatti probabile che il castagno sia stato portato qui dagli antichi Romani. “Nel 1870 si decise di creare una riserva castanile proprio sopra il villaggio”, ci spiega Alban Albrech, sindaco di Mörel-Filet. “Alcuni di quei vecchi alberi sono in piedi ancora oggi”. Il bosco di castagni risalente al 1870 nel corso degli anni è stato quasi dimenticato. Oggi il Cheschtenezunft si occupa nuovamente della selva castanile che conta circa 80 alberi. E a breve i 200 membri dell’associazione potranno raccogliere i frutti del loro duro lavoro: lo scorso anno sono stati raccolti ben 450 chili di castagne. “Nel mese di dicembre ne abbiamo regalato 55 chili alla popolazione, in segno di vicinanza durante il periodo della pandemia”, conclude Alban Albrecht. A Mörel-Filet viene però promossa la creazione di nuove associazioni. Il club Rhone Bikers è stato fondato proprio nel corso di questo ultimo anno. L’obiettivo del presidente Silvio Berchtold è quello di promuovere i giovani talenti. Al club hanno già aderito 35 bambini che hanno allestito una pumptrack provvisoria nel parcheggio del villaggio.